Per qualche ragione, Google insiste nel voler utilizzare Material Design — il linguaggio visivo e guida creata da Google su come realizzare un’UI per Android — anche su iOS. Il risultato è spiacevole: non seguendo le convenzioni di iOS, non utilizzando San Francisco come font, non rispettando lo stile di default dei bottoni e mettendo ombre un po’ ovunque, quando si apre un’app di Google si viene catapultati in un mondo a parte, che stona con il contesto e semplicemente rompe i pattern visivi che gli utenti hanno imparato altrove.

Jason Snell ricorda che anche Microsoft, a un certo punto, ebbe un approccio simile. Word su Macintosh iniziò a funzionare come Word su Windows, a discapito dell’usabilità:

While Microsoft was busy building its Windows empire, from the very beginning it had been a good citizen on the Mac. Word and Excel had been with the Mac since the beginning. Excel was born on the Mac. I would wager that Word and Excel were the two most popular third-party programs on the Mac back in those days.

Then came 1993, and something funny happened: Microsoft released new versions of Microsoft Office for the Mac, all based on the Windows code base. The familiar Mac versions of Microsoft’s apps vanished, replaced by programs that didn’t behave like Mac apps at all. They were very clearly members of the Office for Windows suite, ported over to the Mac.

Why did Microsoft do it? To this day I can’t decide if they were so high on the greatness of Windows that they imagined Mac users would take to the new Office like a glass of ice water in hell, or if they just cared so little for the Mac that it was no longer worth creating apps specifically for the Mac.

Nel 2000, pre iPhone, la capitalizzazione di mercato di Nokia raggiungeva i $245 miliardi. Nel 2013, post iPhone, Nokia viene acquistata da Microsoft per 7.5 miliardi di dollari. L’acquisto ha costretto Nokia a restare legata a Windows Mobile e l’ha portata alla situazione (diciamo, con un eufemismo, non ideale) in cui si trova oggi.

La situazione sarebbe diversa se Nokia avesse adottato Android? L’analisi di Venture Beat merita una lettura:

In the end, Nokia hoped that Windows Phone would make it stand out in a sea of Android and iOS devices — and it did, but not in the fashion it had wanted. Instead, Nokia customers watched their once-mighty brand slowly fade into irrelevance, eventually getting consumed by its ill-chosen partner.

The mobile landscape is littered with manufacturers who lost their way, from Palm to BlackBerry to HTC to Danger. No company is too big to fail, and those that react too slowly to shifts in tastes and preferences can quickly find themselves struggling to catch up. Often, the only path forward requires choosing from a set of unpalatable options. Thanks in part to Stephen Elop’s Rolodex, Nokia’s storied handset division wound up in the arms of Microsoft, a fatal embrace.

Ho guardato la videorecensione di The Verge, e devo dire che ci sono idee e funzioni interessanti dietro Windows 10. Sono stupito.

Microsoft has also built a virtual assistant like Siri right into Windows 10. It’s called Cortana, and it’s designed to look and feel like an extension of the Start menu, and just like the Windows Phone equivalent, you can also use your voice to search. There’s also an option to enable a “hey Cortana” feature that lets you simply holler questions at your laptop. It’s useful for simple things like the weather, but I found myself mostly using it to demonstrate Cortana to friends and family.

Microsoft si sta interessando alle penne, digitali. Un articolo di WIRED racconta alcuni dei progetti e esperimenti in corso, fra cui una ricerca per disegni: disegni una mela, e Bing ti risponde con immagini di mele (dubito funzionerebbe con me):

The possibilities are kind of incredible, actually. For instance, the Microsoft team has been experimenting with a search tool that lets you draw your search query. Bathiche sketches a crude Eiffel Tower, and Bing-powered image results populate. OK, what about at night? He scribbles a dark sky, and quickly switches the pen’s digital ink to yellow—lights! The search results change instantly. In another demo, he sketches arrows, shapes, and symbols. Rather than scroll through lists or try to figure out whether he wants “Medium Left Arrow” or “Medium Left Arrow with Big Head,” he just draws what we wants. The app recognizes what he’s making, smoothing out lines and sharpening corners so it looks like an actual arrow.

L’idea è che con un abbonamento, che potrebbe essere incluso nell’abbonamento a Office 365, si abbia accesso a 10 milioni di hotspot in 130 diversi Paesi.

Dall’Economist:

What are you on? The ‘fuck Windows’ strategy?” Back in the late 1990s, when Bill Gates was still Microsoft’s boss, any employee who had the temerity to suggest something that could possibly weaken the firm’s flagship operating system was sure to earn his wrath. Even after Steve Ballmer took over from Mr Gates in 2000, that remained the incontestable law at the company’s headquarters in Redmond, in Washington state. Everything Microsoft did had to strengthen Windows, to make it ever more crushingly dominant. Many of the company’s best innovations were killed because of this “strategy tax”, as it was known internally.

Today the rules are different in Redmond. The new boss who took over last year, Satya Nadella (pictured, centre, with Mr Gates to the left and Mr Ballmer on the right), recoils when he hears the term “strategy tax” and says he now tells his staff simply to “build stuff that people like”.

Quando Microsoft annuncia una tecnologia straordinaria e rivoluzionaria, io ritardo e modero la mia reazione. La posticipo, e solo a distanza di ore inizio a capire se posso effettivamente entusiasmarmi o se era tutta fuffa.

Scrive Guss Mueller:

L’annuncio di HoloLens mi ha dato molto da pensare nelle ultime 12 ore. Perché Microsoft sta facendo, e mostrando a persone, promesse che non potrà mantenere? O che se non altro non riuscirà a mantenere per i prossimi cinque anni? Perché mi rendono le persone tutte così eccitate? È un bellissimo futuro quello che avete immaginato lì, ma abbiamo visto quel futuro in passato. Microsoft dovrebbe smetterla con questo comportamento, perché non aiuta.

Quindi, questa è la ragione per cui quando guardiamo un keynote di Microsoft non ci eccitiamo troppo. Abbiamo imparato dai precedenti comportamenti dell’azienda a non credere fino in fondo a quello che ci sta vendendo. E questa è anche la ragione per cui così tante persone adorato quello che Apple “promette”. Quando Apple dà una demo dei suoi prodotti, non tira in ballo la grafica computerizzata per mostrare come spera un giorno le cose funzioneranno. Invece, mostra cosa è pronto, finito. Come può essere utilizzato ieri. Sono queste possibilità a renderci eccitati. E Apple riesce a inquadrarle benissimo.

Come scrive Guss, è probabilmente una delle differenze principali fra Apple e Microsoft: Apple sa quando è il momento di mostrare quello su cui sta lavorando; Microsoft lo mostra anni prima quando le possibilità sono appunto solo tali: possibilità, ancora da realizzare.

Ed è la ragione per cui di HoloLens non ho ancora scritto: sembra fantastico, ma mi piacerebbe capire meglio di cosa è capace effettivamente — e quali invece sono solo speranze per il futuro. Anche Polygon consiglia di andarci cauti, ricordando il fato del Kinect e altre visioni del futuro, immaginato da Microsoft, che non sono mai andate oltre il video promozionale.

‘Ma che vi dice la testa?’

Microsoft Word
Microsoft Word

Michele fa notare come sia diversa la reazione al costo annuale del nuovo Microsoft Word per iPad fra lo store italiano e quello americano. Oltraggiati in uno — le applicazioni possono costare massimo 0.99 centesimi! —, soddisfatti del software nell’altro.

Matt Drance, su Microsoft che si piglia una parte di Nokia:

One thing must be observed: all the major mobile players — Apple, Google, Microsoft, and oh what the hell, BlackBerry — now own a top-to-bottom technology stack. Alan Kay was right as ever when he said “People who are really serious about software should make their own hardware.”

Ci sono tantissime ragioni per cui questo doveva succedere. Anni fa.

Non se ne andrà domani, ma ha oramai smesso di costruire e influenzare il futuro da tempo. Da un’analisi di Benedict Evans:

Just as overnight success can take a lifetime, so overnight collapse can also take a long time. There are founders creating companies today who weren’t born when people were still actually scared of big bad ‘Micro$oft’. It stopped setting the agenda 18 years ago. Windows 95 was the moment of victory, but was also the peak: it came just at the moment that the Internet started taking off, and Microsoft was never a relevant force on the internet despite investing tens of billions of dollars. But you needed a PC to use the internet, and for almost everyone that PC ran Windows, so Microsoft’s failure to create successful online services didn’t seem to matter. Microsoft survived and thrived in the PC internet era, despite appearing to be irrelevant, by milking its victory in the previous phase of the technology industry.

Nat Brown, uno dei fondatori del progetto Xbox, elenca tutte le ragioni che hanno fatto sì che Microsoft si lasciasse sfuggire una grossa occasione fallendo nel trasformare il prodotto in molto più che una console di videogiochi:

This was the point of xBox, that was why it was the Trojan horse for the living room, where we could land and be welcomed by millions of console customers with more hardware and better software and network connectivity than the non-console devices […] xBox was for years the only network-connected HD-ready device already attached to tv’s that had multi-use potential (games, DVD, Netflix) in the household to justify and amortize its high cost of purchase to the family’s bread-winners.

Per dare un’idea di come abbia fallito anche nell’attrarre e diventare una piattaforma per gli sviluppatori indipendenti: una membership all’App Store interno all’Xbox costa $10,000 l’anno.

Riporta il NY Times, parlando delle vendite della nuova versione di Windows:

It used to be that a new version of the Windows operating system was enough to get people excited about buying a new computer, giving sales a nice pop. Not this time.

La cosa inizia a farsi seria. Il peggior incubo di Ballmer, l’uomo che nonostante tutto è ancora al comando di Microsoft, inizia a materializzarsi.

Jeff Atwood apprezza del Surface soprattutto l’integrazione con la tastiera, dimostrazione — a suo dire — che multi touch e tastiera possono convivere in armonia, un po’ come la tastiera e il mouse si integrano alla perfezione.

Il Surface è proprio come il primo iPad nel fatto che ha tutti i difetti e i problemi che ti aspetteresti nella prima versione di un prodotto. Ma somiglia al primo iPad anche perché sta al centro di una trasformazione — una visione del futuro del computer che non sacrifica né la tastiera né il multi touch.

Usando spesso l’iPad in combinazione con l’Origami Workstation, non posso che essere d’accordo.

Guardando la video recensione del Surface di The Verge mi sono reso conto di quanto il form factor di questo laplet sia strano.

Microsoft ama dire che non ha fatto compromessi. A me pare, di fatto, che i compromessi ora tocca farli all’utente. Il Surface, nel tentativo di essere sia un tablet che un laptop, risulta troppo grande — Joshua Topolsky nel video dice che sembra appartenere più alla scrivania che all’utilizzo in movimento. Allo stesso tempo, è pur sempre un tablet: non sostituisce appieno un computer. Troppo grande per un tablet, ma troppo tablet per essere un laptop. A.k.a un casino.

It does the job of a tablet and the job of a laptop half as well as other devices on the market, and it often makes that job harder, not easier. Instead of being a no-compromise device, it often feels like a more-compromise one.

Detto ciò, a me questo affare piace. Mi piace l’OS e gli invidio la Touch Cover (una Smart Cover con tastiera), che è quella cosa che ho sempre sperato Apple facesse per l’iPad. Magari avessi l’occasione di provarlo tutti i dubbi sparirebbero: pensavo di farlo, poi mi è venuto in mente che da noi non esistono Microsoft Store, posti simili agli Apple Store ma con prodotti Microsoft. Dove lo si va a cercare, provare, e conoscere, un Surface?