The Guardian:

In Cuba, internet access is limited. But if you can’t get to the internet, there are ways of bringing it physically to you.

It’s known as “el paquete semanal” or “the weekly packet”, an external drive loaded with thousands of hours of media content that is delivered to customers by enterprising ‘suppliers’ like Alberto Jorge.

I remember reading about this a while ago — internet access in Cuba is expensive and limited, to the point where it’s cheaper for a person to come around your house regularly to deliver you a dump of data. From a CloudFlare post of a couple of years ago:

El Paquete is a weekly service where someone (typically found through word of mouth) comes to your home with a disk (usually a 1TB external USB drive) containing a weekly download of the most recent films, soap operas, documentaries, sport, music, mobile apps, magazines, and even web sites. For 2 CUC a week Cubans have access to a huge repository of media while turning a blind eye to copyright.

Cubans told me of children waiting anxiously for “El Paquete Day” when they’d get the next set of cartoons, music and shows.

Technology Review ricorda che non tutti hanno connessioni iper veloci e dati illimitati:

Ma’Niyah has a special-education plan for math; to help her, she’s been assigned problems to do online through Khan Academy. But her mother says she cannot afford broadband from Time Warner Cable, which would begin at around $50 a month, even for an entry-level offering, plus modem and taxes (and the price would rise significantly after the 12-month teaser rate expired). The family has a smartphone, but it’s harder for Ma’Niyah to use the small screen, and Marcella watches her data caps closely; just a few hours of Khan Academy videos would blow past monthly limits. Fast Internet access is available in a library a few blocks away, but “it’s so bad down here that it’s not really safe to walk outside,” Marcella Larry says. […]

A survey by Pew Research shows that fully one-third of American adults do not subscribe to any Internet access faster than dial-up at their home.

La questione sembra venire ignorata presso gli sviluppatori web che conosco, abituati a disegnare su schermi retina e a testare il loro lavoro da connessioni su fibra ottica. La performance di un’app o un sito, per molti, viene dopo la convenienza dello sviluppatore.

La pubblicità è un problema non perché sia brutta da vedere o dia fastidio, ma perché sta rovinando una tecnologia (il web) attribuendogli difetti che in realtà sono dovuti a cattive pratiche. Questa situazione ci ha portato tecnologie e soluzioni completamente futili (per dirne due: Google AMP, Instant Articles) che mettono una pezza a un problema che ci siamo creati da soli. Bloccare la pubblicità — quelle istanze di pubblicità che rovinano il web — è giusto e direi anzi doveroso: si può fare di meglio, ed é giusto penalizzare chi ricorre a behavioural tracking e cattive pratiche senza un minimo ritegno per l’utente finale.

Un sito più veloce è conveniente anche per il business. WPO Stats è un buon sito che raccoglie statistiche e dati che lo dimostrano: se non siete ancora riusciti a convincere il vostro capo, indirizzatelo lì.

(via Ethan Marcotte)

Quelle volte in cui riesco a ignorare per giorni i social network, lo stream di notizie, twitter, blog, e a sparire brevemente da altri luoghi sociali della rete noto, come Kottke, che dell’assenza non frega nulla a nessuno:

Not a single person noticed that I had stopped using social media. (Not enough to tell me anyway.) Perhaps if it had been two weeks? For me, this reinforced that social media is actually not a good way to “stay connected with friends”. Social media aggregates interactions between loved ones so that you get industrialized communication rather than personal connection. No one really notices if a particular person goes missing because they’re just one interchangeable node in a network.

Google uProxy è un’estensione per Chrome e Firefox per aggirare i blocchi e la censura locale di internet, creando una rete parallela e sicura sfruttando le connessioni dei propri amici:

When you are getting access from a friend, all the web traffic from your browser first travels encrypted to your friend’s computer and from there, to the Internet. This means that, to most websites, the request will appear to be coming from your friend’s computer, and someone monitoring your connection will only see that you have a secure connection to your friend.

Qualcuno ha caricato su YouTube (partendo da un VHS) uno show del 1996 che insegna come accedere con il proprio computer a questo nuovo “internet” di cui si parla.

In this tutorial, we’ll take a look at the differences between The Internet and The World Wide Web, the differences between commercial OnLine Services such as the Microsoft Network, Prodigy, or America Online and the Internet, how to get connected to the Web, how to use something called a Web browser to navigate the Web, what a Web Page is, and how to search, locate, and download all types of files, from information files to video and audio files.

(via kottke)

Quando si devono caricare enormi quantità di dati sulla cloud resta tuttora più veloce spedirli – fisicamente, mettendoli dentro un camion o su un aereo – piuttosto che fare un upload.

Il nuovo servizio di Amazon per AWS va incontro a quest’esigenza: è un camion, capace di trasportare circa 100 petabyte di dati. Per riempirlo completamente ci si mettono 10 giorni. Poi inizia l’upload, che in questo caso significa che il camion si mette in viaggio verso il datacenter di Amazon.

Bruce Schneier:

Over the past year or two, someone has been probing the defenses of the companies that run critical pieces of the Internet. These probes take the form of precisely calibrated attacks designed to determine exactly how well these companies can defend themselves, and what would be required to take them down. […]

Who would do this? It doesn’t seem like something an activist, criminal, or researcher would do. Profiling core infrastructure is common practice in espionage and intelligence gathering. It’s not normal for companies to do that. Furthermore, the size and scale of these probes — and especially their persistence — points to state actors. It feels like a nation’s military cybercommand trying to calibrate its weaponry in the case of cyberwar.

Uno dei modi più semplici e efficaci per buttare giù un pezzo di internet è tramite un attacco DDoS (denial of service attack): come suggerisce il nome, un attacco che invia continue richieste fasulle a un sito finché questo non regge più, prevenendo utenti legittimi dall’accedervi.

Nel corso del weekend, il blog di uno dei maggiori esperti di sicurezza informatica (Krebs on Security) è stato buttato giù da uno dei più grandi attacchi DDoS della storia, al punto che Akamai — che si occupava di proteggerlo e di fornire banda — a un certo punto ha semplicemente rimosso il supporto al sito. Contrastare l’attacco, dice Akamai, sarebbe finito con il costare milioni di dollari. Krebs on Security è poi tornato online grazie a Project Shield, un programma di Google per difendere la libertà di parola in rete e, appunto, per proteggere siti e giornalisti indipendenti che non hanno la capacità e le risorse per difendersi:

We’ve met news organizations around the world who suffer crippling digital attacks when they publish something controversial or that questions powerful institutions. Project Shield uses Google’s infrastructure to protect independent news sites from distributed denial of service attacks (DDoS).

Schneier, nel passaggio riportato in apertura, suggerisce che dietro a questi attacchi ci possa essere la Russia o la Cina, agenzie di sicurezza, enti statali — al contrario Krebs parla di “democratizzazione della censura“: nel suo caso, un botnet è riuscito ad impossessarsi di milioni di dispositivi collegati a internet — cose come router, videocamere di sorveglianza, e altri oggetti dell’internet delle cose con standard di sicurezza scarsi — e ad utilizzarli per effettuare l’attacco:

There are currently millions — if not tens of millions — of insecure or poorly secured IoT devices that are ripe for being enlisted in these attacks at any given time. And we’re adding millions more each year. […]

What we’re allowing by our inaction is for individual actors to build the instrumentality of tyranny. And to be clear, these weapons can be wielded by anyone — with any motivation — who’s willing to expend a modicum of time and effort to learn the most basic principles of its operation.

The sad truth these days is that it’s a lot easier to censor the digital media on the Internet than it is to censor printed books and newspapers in the physical world. On the Internet, anyone with an axe to grind and the willingness to learn a bit about the technology can become an instant, self-appointed global censor.

Internet non è particolarmente diffuso a Cuba. Il costo d’accesso è di circa 2$ all’ora tramite uno dei 175 hotspot WiFi pubblici, o di 1$ per MB tramite la connessione del cellulare.

Questa situazione ha portato alla nascita di El Paquete Semanal, praticamente un dump di musica, film e riviste che si trovano online. Invece di accedere a Internet direttamente, una persona — una volta alla settimana — viene a casa tua con un hard disk di circa 1TB contenente “internet”. Il contenuto è organizzato in cartelle, dentro vi si trovano interi siti, film, aggiornamenti software, applicazioni (per PC o Android), riviste in PDF e quant’altro:

Everyone I spoke to had access to Cuba’s private “CDN”: El Paquete Semanal. El Paquete is a weekly service where someone (typically found through word of mouth) comes to your home with a disk (usually a 1TB external USB drive) containing a weekly download of the most recent films, soap operas, documentaries, sport, music, mobile apps, magazines, and even web sites. For 2 CUC a week Cubans have access to a huge repository of media while turning a blind eye to copyright.

Cubans told me of children waiting anxiously for “El Paquete Day” when they’d get the next set of cartoons, music and shows.

Un keynote di 20 anni fa (titolo: Webmania), durante il quale Steve Jobs introduce NeXT WebObjects, spiega cos’è il web e si entusiasma per le pagine dinamiche.

(via The Loop)

Real Life è un nuovo magazine (sponsorizzato da Snapchat) curato da Nathan Jurgenson, uno di quelli che da tempo spiega in maniera più efficiente e intelligente come la rete stia influenzano il nostro modo di comunicare e stare assieme, contestando l’idea molto diffusa che i rapporti che intessiamo online — le nostre interazioni “virtuali” — abbiano meno valore di quelli che intratteniamo fuori dalla rete, solo perché non avvengono in uno spazio fisico ma su internet.

Nathan contesta soprattutto la distinzione fra offline e online, fra reale e virtuale, definendola un “dualismo digitale“. Spiegato, da un articolo di Bicycle Mind di un paio di anni fa, così:

Il mondo puro e naturale come alcuni lo immaginano non esiste, ma è profondamente mediato da una serie di variabili che potremmo anche definire “cultura”. Gli umani sono sempre stati tecnologici: non ha riscontro nella realtà quest’idea di un rapporto umano puro, naturale. Abbiamo avuto tecnologie invadenti per tanto tempo, alcune non le consideriamo più tali semplicemente perché sono recesse allo stato di natura. I nostri rapporti e le connessioni che stabiliamo con gli altri individui sono mediati dall’architettura del luogo in cui ci troviamo, dal modo in cui siamo vestiti, da tutto ciò che ci circonda: internet, la rete, è solo una delle tanti variabili che si è di recente aggiunta. Pretendere di avere accesso a una versione più pura di noi stessi e del mondo facendone a meno è illudersi.

I primi articoli di Real Life sono usciti ieri. L’obiettivo della rivista, come scrive Nathan, è proprio quello di descrivere come viviamo con la tecnologia senza lasciarsi andare ai soliti articoli allarmanti del tipo “internet ci sta rendendo stupidi?”:

Real Life will publish essays, arguments, and narratives about living with technology. It won’t be a news site with gadget reviews or industry gossip. It will be about how we live today and how our lives are mediated by devices. We plan to publish one piece of writing every weekday, though we may eventually expand to other mediums and formats as well. […]

Popular discourse on technology has sustained the idea that there is a digital space apart from the social world rather than intrinsic to it, while popular tech writing is often limited to explaining gadgets and services as if they’re alien, as well as reporting on the companies that provide them. This work is crucial, but writing about technology is too often relegated to the business section. On this site, it will be the main event. We’re not a news or reviews site, but we will describe the tech world—specifically how that industry shapes the world we live in today. To that end, we aim to address the political uses of technology, including some of the worst practices both inside and outside the tech industry itself.

Ho per lungo tempo cercato un plugin che mi aiutasse a preservare le pagine a cui linko su queste pagine, e mi evitasse lo scenario corrente: linkrot pervasivo negli archivi del blog. I permalink, in realtà, sono molto poco permanenti. Provate a leggere un post di alcuni anni fa, dagli archivi, e molto probabilmente conterrà un link ad una pagina che non esiste più — perché è stata spostata, perché la piattaforma su cui il contenuto era stato pubblicato è stata chiusa o venduta, perché il blog non esiste più, o per altre ragioni ancora.

Fortunatamente il Berkman Center for Internet & Society se ne è uscito con un progetto, Amber, che aiuta a evitare la situazione corrente. Amber è distribuito anche sotto forma di plugin di WordPress: installandolo, il vostro blog conserverà uno snapshot (una copia) di ogni pagina a cui linkate — rendendola così accessibile in futuro, qualunque cosa succeda al sito originario, che sia o meno conservato sull’Internet Archive.

Come sono cambiate le regole di Twitter negli anni

All’inizio, le Regole di Twitter, consistevano di solo 568 parole, e cominciavano così:

Our goal is to provide a service that allows you to discover and receive content from sources that interest you as well as to share your content with others. We respect the ownership of the content that users share and each user is responsible for the content he or she provides. Because of these principles, we do not actively monitor and will not censor user content, except in limited circumstances described below.

A Gennaio 2016, le regole hanno finito col richiedere 1,334 parole; per la prima volta negli anni è cambiato il paragrafo introduttivo:

We believe that everyone should have the power to create and share ideas and information instantly, without barriers. In order to protect the experience and safety of people who use Twitter, there are some limitations on the type of content and behavior that we allow. All users must adhere to the policies set forth in the Twitter Rules. Failure to do so may result in the temporary locking and/or permanent suspension of account(s).

Motherboard (Vice) ha pubblicato una bella analisi su come Twitter abbia dovuto, causa spam e violenza, abbandonare l’atteggiamento neutrale iniziale nei confronti dei tweet.

Zuckerberg non si capacita che l’India possa pensare di bloccare Free Basics, al punto che in “The Times of India” scrive:

We have collections of free basic books. They’re called libraries. They don’t contain every book, but they still provide a world of good.

We have free basic healthcare. Public hospitals don’t offer every treatment, but they still save lives.

We have free basic education. Every child deserves to go to school.

Free Basics è Internet.org sotto un altro nome. Internet.org è una versione debole di Internet, che dà accesso a pochi siti selezionati, fra cui Facebook (se proprio voleva, poteva evitare di inserire se stesso nel pacchetto). Non è la rete, ma la porzione di rete che Facebook ha deciso di includere nel pacchetto di siti accessibili. Crea una situazione di svantaggio per chiunque voglia competere con Facebook, come scrive The Conversation:

Free Basics clearly runs against the idea of net neutrality by offering access to some sites and not others. While the service is claimed to be open to any app, site or service, in practice the submission guidelines forbid JavaScript, video, large images, and Flash, and effectively rule out secure connections using HTTPS. This means that Free Basics is able to read all data passing through the platform. The same rules don’t apply to Facebook itself, ensuring that it can be the only social network, and (Facebook-owned) WhatsApp the only messaging service, provided.

Yes, Free Basics is free. But how appealing is a taxi company that will only take you to certain destinations, or an electricity provider that will only power certain home electrical devices? There are alternative models: in Bangladesh, Grameenphone gives users free data after they watch an advert. In some African countries, users get free data after buying a handset.

La Electronic Frontier Foundation, mesi fa: Internet.org non è sicuro, non è neutrale, e soprattutto non è la rete.

Mantellini:

Il problema fondamentale con le reti “stupide” come Internet è da sempre quello che simili reti, per funzionare ed avere successo, devono restare stupide. Devono essere trasparenti ai contenuti ed ai soggetti che li veicolano, devono, semplicemente, non poter far differenza fra grandi e piccoli, fra ricchi e poveri e perfino – e questo può sembrare un problema – fra buoni e cattivi. Internet funziona perché è un network stupido, perché si concentra sulle abilità in ingresso e si disinteressa del valore dei contenuti che transiteranno attraverso le sue linee.
Moltissime delle cose intelligenti che abbiamo imparato a fare negli ultimi anni sono state rese possibili dal fatto che l’architettura che ce le porta a casa è sommamente stupida. […]

Mark Zuckerberg dovrebbe sapere meglio di chiunque altro qual è il valore di un network stupido, che è poi quello stesso valore che ha fatto sì che il mondo intero riconoscesse il suo talento di studente. E se il punto del suo progetto è davvero quello di offrire ai giovani dell’Africa o dell’India le stesse possibilità che ha avuto lui, studi qualcosa di meno ambiguo e attaccabile di una serie di accordi di zero rating con questo o quell’operatore telefonico per la sua azienda e per quelle della sua lista di benefattori dell’umanità.

Quanto usiamo internet in Italia (non abbastanza)

Un articolo di Repubblica di un paio di giorni fa, firmato dal digital champion Riccardo Luna titolava che nel 2015 l’Italia corre, su Internet!!!1 Ovvero che il numero di persone connesse è aumentato più che negli altri paesi europei:

Siamo quelli che hanno registrato l’aumento maggiore: 4 punti percentuali, da 64 a 68% (e i non utenti sono passati dal 32 al 28%). La Germania, la Francia e il Regno Unito sono aumentati di un punto appena, la mitica Estonia (Paese simbolo del digitale) cresce di tre: ma va detto che questi Paesi partono da molto più in alto di noi…

Guardando i dati Eurostat (gli stessi su cui Luna ha basato l’articolo), il panorama è meno euforico: accedono regolarmente a internet il 63% degli italiani, contro — come nota Mantellini — l’84% dei tedeschi, 81% dei francesi o il 75% degli spagnoli. Siamo aumentati più degli altri, ma solo perché — com’è ovvio — la crescita è più facile quando la penetrazione è così bassa. Per avere una penetrazione inferiore bisogna guardare a Bulgaria e Grecia.

Oltretutto, la “corsa” si riduce a un placido camminare guardando alle aziende (dati ISTAT), come riporta Il Post:

L’ISTAT usa un indice di digitalizzazione basato su 12 attività svolte online, come avere un sito web o l’utilizzare i social network per promuovere i propri prodotti: secondo l’ISTAT questo indice è basso o molto basso per 9 imprese su 10.

Insomma, come negli anni passati (e futuri: non è una tendenza che si invertirà all’improvviso, per magia), nulla di cui gongolare.