La narrativa di Apple non funziona più?

Wall Street giudica le aziende in base alle storie che queste si fabbricano; i profitti valgono ma fino a un certo punto, altrimenti non si spiegherebbe come sia possibile la quotazione di Amazon (che ha profitti bassissimi) o il fatto che AAPL, l’azienda che nell’ultimo trimestre fiscale ha registrato 18,4 miliardi di dollari di profitti (ovvero, il profitto più grande che un’azienda abbia mai registrato in un trimestre), sia in discesa. Nello stesso trimestre Google (Alphabet, okay…), che ha superato ieri Apple in borsa diventato la società con più capitalizzazione di mercato al mondo, ha registrato $17.3 miliardi di dollari.

Secondo Neil Cybart, la storia che Apple racconta agli investitori non funziona più. Apple è sempre stata giudicata per numero di device venduti, ma il numero di device venduti ha (forse, probabilmente) raggiunto un picco: ne hanno venduti così tanti che sarà difficile venderne di più. Apple stessa ha detto che si aspetta un declino delle vendite, per la prima volta in 13 anni. Crescere, però, è anche il parametro più importante secondo Wall Street.

Per questa ragione, Apple deve trovare una narrativa che non sia più basata sul numero di device venduti, ma su un altro valore che rassicuri gli investitori e dimostri che l’azienda sta crescendo. Cybart suggerisce di sfruttare come metrica la “user base”, quell’enorme numero di utenti fedeli che periodicamente, perché soddisfatti della qualità dei prodotti Apple, aggiornano il loro iPhone, iPad o Mac acquistandone un modello nuovo:

Apple disclosed there are one billion devices that have engaged with Apple services over the past 90 days. In addition, management introduced a new services revenue total called Installed Base Related Purchases, which reflects the total amount spent on content and services in the Apple ecosystem, including the revenue remitted to third-party app developers and certain digital content owners. Exhibit 2 highlights management’s first attempt at forming a new Apple narrative that moves beyond hardware unit sales.  […]

Apple’s strength is hardware, and a long-term narrative should include hardware in some respect. Considering that Apple’s mission statement revolves around coming up with new products, hardware is very important. Instead of focusing on hardware unit sales growth, Apple could look at adoption rates within its user base as a metric to monitor. If there is evidence that a new hardware product, such as Apple Watch, is seeing steady adoption within the Apple user base, the takeaway could be that Apple is succeeding with its mission statement. This metric would also go a long way in validating Apple relevancy and user loyalty.