pointerSensori, non notifiche

Il Pebble pone l’enfasi sulle notifiche, mentre come Justin Williams credo che il vero vantaggio di uno smartwatch risieda nei sensori che questo può offrire[1. Dalle comuni funzionalità di un FitBit, a un sensore GPS], per raccogliere in background dati su di noi, più facilmente che con uno smartphone:

To do pretty much all of the things I actually want to do with this thing on my wrist, I don’t need a big honking screen. I just need a lot of sensors. The same sensors that are in your phone, just crammed into a tiny bracelet. […] If they want me to get truly excited about the future of wearables, lose the screen. Give me the sensors.