pointerLo scopo di Apple non è intrattenerti

È da un po’ di tempo che l’iPhone è diventato noioso, e che Apple non funziona più. Mentre Google tira fuori un prototipo dopo l’altro, e Samsung è già alla seconda iterazione del proprio smartwatch, Apple continua a crogiolarsi sull’iPhone. Scrive correttamente Jason Snell:

For the past few years, the technology industry has been supremely entertaining. New tech products, even entirely new product categories, that change the way we live? Super-exciting.

Quando Apple crea un prodotto lo fa per coprire una necessità, non solamente per mettere sul mercato l’ultima nuova tecnologia e mostrare cosa è in grado di fare — per stupire e basta. Non c’è nessuna ragione, né fretta, per Apple di lanciare uno smartwatch o qualsiasi altro prodotto la stampa abbia deciso sia essenziale: lo farà, quando avrà trovato un modo per inserirsi intelligentemente e con un senso nel settore.

La tecnologia non è il fine, ma un modo di coprire una necessità:

When new technological advancements are developed or tech services becoming blown-out-of-proportion successful, you hear very little about Apple acquiring the companies behind those innovations, unlike Facebook and Google, even with a larger amount of money in the bank. And when you hear major news related to their acquisitions, it’s usually years afterwards, when they’ve implemented technology into major products in a sensible, meaningful way.

Technology might be their biggest asset, but it’s simply an asset to them nonetheless. Rather than selling their products and services as technological innovations, they sell them as experiential innovations. They’re in the business of selling you better ways to interact with content from the internet, entertain yourself, talk to your friends, and be productive at work.