Lo sapevi che…

[Via Pandemia]

Twitter cambia faccia

Twitter ha cambiato la grafica oggi. Anche Friendfeed l’ha fatto. Solo che mentre per quanto riguarda Friendfeed era una cosa risaputa, visto che già si era a conoscenza di come sarebbe stata per il semplice motivo che aveva permesso, a chi lo volesse (prendendo spunto da Faceiook), di utilizzare la nuova interfaccia grafica da un indirizzo apposito per un mesetto prima del suo rilascio ufficiale, per Twitter si tratta di una cosa completamente nuova ed inaspettata.

Tuttavia, almeno dal sottoscritto, anche molto apprezzata. I cambiamenti evidenti, almeno per quel poco che ho potuto constatare, credo siano due:

  • Un attotondamento dei bordi delle pagine.
  • Un’aggiunta di un menù sul lato destro dell’homepage o, forse sarebbe meglio dire, un’evidente rivisitazione del menù del lato destro, in quanto già presente ma ora più pulito, chiaro e con tutti gli elementi ordinati in maniera maggiormente intuitiva.

A questi si aggungono naturalmente altri piccoli cambiamenti, come una leggera variazione della visione singola dei Twitt (es. qui). Purtroppo invece è completamente assente la presenza di nuove funzioni: rimangono le stesse di prima, con nulla di nuovo.

Comunque, lo ripeto, a me piace. Voi cosa ne pensate?

(Link al mio TwitterLink al mio Friendfeed)

Nuvole di parole con Wordle

Think Different

Wordle è un servizio web che genera delle nuvole di parole, Word Clouds, a partire da un testo fornito dall’utente. Le parole appariranno più o meno grandi a seconda del numero di volte della loro comparsa nel testo fornito e potranno anche essere customizzate per quanto riguarda il colore, il font e altri piccoli accorgimenti.

Un esempio di quello che si è in grado di fare con Wordle lo si può avere dall’immagine pubblicata a inizio post, creata inserendo nel sito il testo della pubblicità Think Different di Apple. Non meno interessante è la possibilità di ottenere un risultato simile inserendo il nickname del proprio account di Del.icio.us: in questo caso verrà generata una nuvola contenente i tag da noi in uso sul sito.

Twitter in Plain English

Dalla stessa mente che aveva dato vita a Google Docs in Plain English e Blogs in Plain English arriva una nuova video guida che spiega in maniera rapida, intuitiva e semplice cos’è e come funziona Twitter, cercando di invogliare i suoi spettatori a registrarsi al servizio (io già lo uso da molto tempo).

Se poi volete grazie ad Antonio c’è pure una versione italiana del video, ancora più semplice da capire della precedente.

Gmail Art

Mai vista una roba del genere. Veramente geniale l’idea, non trovate?

[Via Pandemia]

Twitter is not a chat

Per tutti quelli che utilizzano Twitter (e io sono fra questi) e sono stufi di vedere invasa la timeline dei propri amici da continue risposte ad altri utenti, che trasformano il servizio quasi in una chat rovinandone l’utilizzo e rendendo complesso capire una qualsiasi discussione, questo Wallpaper di Action Datsun, trovato su Flickr oggi, è ottimo.

Per ricordarsi sempre che Twitter is not a chat.

Nuovo Social Network: Sleep.fm

[Via Tecnochica]

Flickr aggiunge le statistiche al sito e rilascia Flickr Uploadr 3.0

E’ con immensa gioia che ho scoperto ieri sera, sul tardi, dell’introduzione su Flickr di una delle funzioni di cui personalmente sentivo maggiormente la mancanza e che speravo che venisse aggiunta da oramai molto tempo: le statistiche.

Finalmente, infatti, è possibile avere un report avanzato di quello che accade nel proprio account di Flickr: scoprire da dove vengono i visitatori che lo visitano, quanti sono giornalmente, quali sono le foto più viste di giorno in giorno e le keyword più in utilizzo per trovarle.

Uno strumento veramente utile, attivabile fin da ora da tutti coloro che possiedono un account PRO del servizio (che ha un costo basso e offre molte funzioni in più).

Interessanti sono anche i dati generali che vengono forniti sul proprio account, grazie ai quali ho scoperto che:

  • 4,527 delle mie foto hanno ricevuto almeno una visita, 233 nemmeno una
  • 260 contro 4500 fotografie caricate hanno un commento
  • 4,552 contro 2008 sono taggate
  • Di tutte le mie foto 1,136 sono state inserite su uno dei gruppi di Flickr
  • 195 fotografie sono state marcate come preferite da almeno un utente del servizio

Contemporaneamente all’arrivo delle statistiche Flickr ha rilasciato anche una nuova versione del suo tool per l’upload delle fotografie dal desktop del proprio computer senza dover passare dal Web: Flickr Uploadr 3.0. Questa nuova release del software è disponibile per tutti gli utenti del servizio, non solo quelli PRO come nel caso precedente, e sia per Mac che per Windows.

Trattare le Web Application come Desktop Application, su Mac

Con la nascita nell’ultimo periodo di molti nuovi servizi Web2.0 quali, tanto per citarne alcuni, Flickr, GMail, Facebook, che si utilizzano solo ed esclusivamente via web, si può arrivare ad avere aperte in Safari moltissime Tab che in alcuni casi causano un rallentamento del browser o anche un crash.

Ecco dunque che viene in aiuto Fluid, un nuovo programma che trasforma la vostra Web App preferita in una applicazione, fornendogli un posto nella cartella applicazioni e nel Dock.

Ma come funziona? Una volta avviato Fluid mostra una piccola finestra molto semplice, nella quale bisognerà inserire il nome della propria Web App e l’indirizzo web in cui risiede, per poi far click sul bottone Create. Quello che si otterrà sarà una piccola applicazione separata, un browser internet specifico solo per quel sito che per questo motivo non andrà in alcun modo a interferire con le prestazioni di Safari.

Come gli stessi creatori di Fluid ammettono, il software è simile come idea, funzioni e scopo al nuovo progetto di Mozilla, Prism. Ma c’è una importante differenza fra i due: mentre il secondo utilizza come motore di rendering Gecko, il primo utilizza lo stesso su cui si basa Safari, vale a dire Webkit.

E se ancora non avete capito cosa sia e a cosa vi possa servire, il seguente video forse può in qualche modo esservi d’aiuto.