Skype arriva ufficialmente sull’iPhone

Come alcuni rumors risalenti alla scorsa settimana avevano lasciato intendere, Skype sarebbe pronta a lanciare la versione per iPhone del suo programma VoIP, che a partire da domani dovrebbe risultare reperibile e scaricabile gratuitamente dall’App Store.

Purtroppo all’entusiasmo iniziale potrebbe aggiungersi un po’ di delusione, visto che il suo utilizzo sarà possibile solo in presenza di una rete WiFi e dato che, inoltre, il client mobile per ora trascura alcune delle funzioni basilari della versione per computer. Infatti non sarà possibile inviare SMS (che è il maggior utilizzo che il sottoscritto fa del programma, essendo piuttosto lento con la stesura di questi da cellulare), mettere in pausa le chiamate o ricevere le voicemail. Tuttavia altre caratteristiche, come le chat testuali, funzioneranno perfettamente. Altro punto a suo favore è il supporto di entrambi i dispositivi mobili di Apple: iPhone ed iPod Touch, a patto che su quest ultimo abbiate inserite delle cuffie dotate di microfono.

Cnet, la fonte della notizia, ha maggiori informazioni a riguardo e molti altri screenshot dell’applicazione, oltre a quelli già presenti in questo post.

Grandi acquisizioni in vista per Apple?

Apple, al momento, è una delle aziende di informatica con più cash a disposizione: 15,4 miliardi di dollari; solo Microsoft e Cisco System ne hanno di più. A differenza di queste due, però, Apple non è solita fare grandi acquisizioni o comprare azioni indietro dagli azionisti. Di fatto, come ha riportato circa un mese fa l’azienda, dal 1999 sono stati spesi 217 milioni di dollari contro i 500 che erano a disposizione.

La domanda, dunque, che sorge spontanea è: Cosa ne vuol fare Steve Jobs di questi soldi?

Di certo un numero così grosso di denaro in cash può servire a molto all’azienda, non solo per poter acquistare qualche cosa di grande ma anche per apparire di fronte agli azionisti come una società ad alta redittività e poterli impressionare. Quando, qualche mese fa, è stato chiesto il Chef Financial Officer di Apple, Peter Oppenheimer, se intendono utilizzare parte di questi soldi, il CFO ha risposto che aver in mano un numero così alto di denare può aiutarli a trovare e investire in grandi cose. Insomma, come sempre, Apple, nonostante le pressioni da parte degli azionisti, non sembra intenzionata a rivelare i suoi piani futuri e, dunque, dirci in cosa, come e se intenda utilizzare questi soldi.

Dunque non possiamo che limitarci a fare supposizioni. Se si guarda al passato e alle usanze di Steve & Co la cosa più ovvia da dire e da pensare sarebbe che parte di quei 15 miliardi vengano investiti per l’acquisizione di piccole aziende e progetti emergenti. In passato, di fatto, si è sempre fatto così.

Altri, invece, pensano che Apple possa decidere di utilizzare il denaro per eventuali progetti nel cassetto. Uno di questi, che richiederebbe grandi risorse all’azienda, è la costruzione di un nuovo quartiere generale, a Cupertino, che raccolga sotto un unico tetto tutti gli impiegati e gli ingenieri, ora sparsi nei dintorni della città. Real Estate ha dichiarato, tempo fa, che un progetto del genere sarebbe in grado di arrivare costare ad Apple addirittura 500 milioni.

Ma potrebbe anche essere che Apple per una volta rompa le tradizioni e acquisti qualche cosa di veramente grosso. Con 15 miliardi di dollari l’azienda potrebbe facilmente entrare in possesso di TiVo, Netflix e molte altre aziende mantenendo anche una bella parte di denaro da parte. Una delle acquisizioni che si vocifera in questi giorni e che prende sempre maggior voce è quella di una probabile acquisizione di Skype da eBay. In effetti, volendo ben vedere, Apple non ha ancora preso una posizione definitiva riguardo la tecnologia VoIP e una aquisizione del genere potrebbe rivelarsi molto utile non solo per il suo programma di IM, iChat, ma anche per l’iPhone.

Altrove si vociferava dell’acquisizione di Adobe, da un’altra parte addiritura di Nintendo.

E voi, cosa sperate o pensate che acquisti Apple? Sempre che acquisti qualche cosa perchè, non dimentichiamolo, il discorso è del tutto ipotetico.

[Via Fortune]