Perchè l’ho sposato

La gigantesca torta nuziale a forma di iPhone sarebbe, da sola, una valida ragione.

E’ questo il nuovo iPhone?

Se così fosse promette bene: la scocca leggermente rinnovata, in positivo, e le dimensioni ulteriormente ridotte non sono che un punto a suo vantaggio.

E, almeno a colui che scrive, non spiacerebbe se l’iPhone dell’8 Giugno fosse veramente simile a questo.

[Via Phonkmeister]

iNeed Some Glue

Era una bella foto, tutto qua. Su Flickr, di Gabriel.

Un MacMini veramente nuovo?

A me il nuovo MacMini sarebbe piaciuto fosse stato così: con un design almeno in parte differente, dalle linee più morbide. Peccato che, invece, esteticamente non abbia alcuna novità.

[Via In Design You Trust]

Quando l’iPod diventa commestibile

Un’azienda norvegese produttrice di gelati, la Henning Olsen, ha annunciato la sua intenzione di introdurre un nuovo prodotto commestibile: un gelato al cioccolato ispirato all’iPod. La forma infatti sarà identica alla versione Classic del famoso player della mela.

Il prodotto, chiamato IcePod, permetterà il download gratuito di alcune canzoni realizzati da artisti norvegesi differenti. Naturalmente nulla vieta che Apple ponga un veto ed eviti che ciò accada: non molti mesi fa infatti un brevetto sulla forma del player gli aveva assicurato tutti i diritti su di essa. Sarebbe strano, conoscendola, che permettesse la commercializzazione di un gelato chiaramente ispirato all’iPod senza porre vincoli di alcun genere.

[Via Melamorsicata]

Il primo telefono progettato da Apple

Hartmut Esslinger è stato il designer del famoso Apple IIc, ovvero di quello che fu il primo portatile prodotto da Apple Inc (se portatile lo si può definire, visto il peso e l’ingombro).

Assieme a quello tuttavia disegnò e progettò molti altri oggetti, alcuni dei quali mai videro la luce. Fra questi una prima versione dell’iPhone, risalente al 1983 e che solo 23 anni dopo riuscì a prender vita; seppur sotto sembianze, fortunatamente, totalmente differenti.

Le foto in allegato al post permettono dunque di vedere quando è stata la prima volta in cui, probabilmente, la mela ha iniziato a pensare di progettare un telefono.

[Via The Next Web]

L’uso che si fa di Google

Nel mio piccolo posso dire di aver contribuito in modo piuttosto consistente nel far ingrassare l’area blu della torta.

[Via Webeconoscenza]

Trovato uno screenshot di Snow Leopard

Non ci sono dubbi, almeno secondo me, che questo sia Snow Leopard, ovvero l’evoluzione di Leopard, ovvero l’OS che tutti utilizzeremo in futuro. Non trovate?

Natale ai giorni nostri

Dilbert e Lisa

Il MacBook visto a raggi X

Vi siete mai chiesti come potrebbe essere un MacBook visto a raggi X? La domanda effettivamente è un po’ strana ed è forse per questo che facilmente la vostra risposta potrebbe essere negativa.

Tuttavia è bene dare comunque una soluzione a questa questione che non vi ha mai sfiorato la mente. Per farlo, Jason, che invece era assillato da tale enigma, ha scattato una fotografia al suo MacBook dopo averlo fatto passare sotto i raggi x.

Ne è rimasto entusiasta, facendo notare ai lettori del suo blog come i componenti sono disposti con cura e elegantemente (?). L’immagine è riportata a inizio post; così potrete stupirvi e meravigliarvi anche voi.

Casse minimaliste (ma soprattutto economiche) per iPod

Non è tanto difficile realizzare le casse della fotografia sopra, studiate da Dmitry Zagga per divertimento: bastano quattro bicchieri di cartone, simili a quelli per caffè che sono soliti dare da Starbucks o in altre caffetterie simili. Occorre poi bucarne due e inserire al loro interno le cuffie dell’iPod dopodichè, in ultimo, disporre il tutto in modo da formare una composizione simile a quella della foto.

Semplici, minimaliste ed eleganti. Ah, vi state chiedendo se funzionino realmente? Ho dei dubbi.

[Via Yanko Design]

E’ ora di smettere di piangere per la sparizione del Firewire dai Mac Book

Uno Steve Jobs molto categorico sgrida dei nerd per il loro attaccamento verso la tecnologia Firewire, recentemente rimossa da Apple dai nuovi Mac Book e Mac Book Pro, e tenta di spiegargli come debbano adattarsi ai tempi ed accettare che certe tecnologie scompaiano, smettendo di rimpiangerle.

Simpaticissima, come sempre: Joy Of Tech è una garanzia.

L’abbandono degli oggetti analogici

Analogic Retirement è una simpatica maglietta che ritrae un party organizzato per tutti quegli oggetti, come cassette musicali, Floppy Disk, o VHS che presto verranno dimenticati e lasceranno definivamente il posto ai nuovi arrivati. Un party che rattrista un po’ e mette un po’ di malinconia, per l’espressione che il rullino fotografico mostra, depressa e rassegnata, e per ciò che andrà perso.

La maglietta, in vendita su Busted Tees, costa circa 18 dollari.

Quanto è resistente l’iPod Touch?

Mettiamo che, ipoteticamente, decidiate di prendere un iPod Touch e facciate in modo che finisca sotto le ruote di un pick-up americano. Cosa ne trarrete da questa esperienza? Oltre a fornire la prova inconfutabile a tutti i vostri conoscenti che siete dei dementi, avrete la possibilità di dimostrare quanto un iPod Touch sia resistente notando che nonostante lo schermo si sia frammentato in diecimila parti differenti, il dispositivo continua ad accendersi e ad essere funzionante (certo non per vedere i video).

Comunque non disperate: almeno almeno per questa volta, l’iPod Touch potrete tenervelo intatto visto che a fare l’esperimento ci ha già pensato qualche altro illustre individuo.

[Via Gizmondo]