Partendo dalla pubblicità “We Believe“, Kyle Baxter:

PCs have never felt like the application they are running. They are a computer that runs applications. The iPhone and iPad’s magic, however, is the hardware is a frame for content. There is no intermediary between you and the application, and in many cases, the content itself. You interact with the application and the content directly. […]

They are trying to build an entirely new type of device where, for the first time in the history of computers, technology is secondary to what it does. With these new devices, a dual-core processor isn’t why people buy them. They buy them because it can be a fantastic book. Or game. Or browser. They buy it because of what it does.

E lo penso anche io, infatti ne avevo parlato in “A chi importa dell’A5?“: le specifiche tecniche non sono importanti, non questa volta, non in questo settore. Ecco anche perché comparare i tablet sulla base delle loro componenti è una strategia perdente: l’esperienza utente è quello che conta o, se non altro, è l’unica cosa che interessa all’utente comune.

Apple ha appena pubblicato una nuova pubblicità dell’iPad – titolata We Believe – molto migliore di quelle che l’hanno preceduta. “La tecnologia da sola non è abbastanza” recita il video, diffondendo così uno dei credi dell’azienda. “E’ la tecnologia unita alle arte liberali, alle scienze umanistiche, che ci porta al risultato che fa cantare i nostri cuori”, aveva detto Steve Jobs all’ultimo Keynote. Ora il concetto viene di nuovo ribadito, dedicandogli un intero spot.

This is what we believe. Technology alone is not enough. Faster, thinner, lighter — those are all good things. But when technology gets out of the way, everything becomes more delightful, even magical. That’s when you leap forward. That’s when you end up with something like this.