pointerApple ha bisogno di incentivare lo sviluppo di applicazioni per iPad

In parte, credo di avere abbandonato l’iPad perché non ci sono applicazioni particolarmente interessanti su iPad. La ragione di questa desolante situazione è che è molto difficile per uno sviluppatore indipendente trovare un modello di business sostenibile sull’App Store — vendere app e fare soldi, con tutti i limiti che Apple impone: inesistenza di trial, impossibilità di rilasciare aggiornamenti a pagamento, etc. Tutti problemi che si accentuano su iPad, dato che ci aspettiamo app più produttive e complesse.

Secondo Ben Thompson se la situazione non cambierà — se Apple non creerà una piattaforma sostenibile per gli sviluppatori — vendite e utilità dell’iPad Pro ne risentiranno:

Cook described the iPad as “A simple multi-touch piece of glass that instantly transforms into virtually anything that you want it to be”; the transformation of glass is what happens when you open an app. One moment your iPad is a music studio, the next a canvas, the next a spreadsheet, the next a game. The vast majority of these apps, though, are made by 3rd-party developers, which means, by extension, 3rd-party developers are even more important to the success of the iPad than Apple is: Apple provides the glass, developers provide the experience.

That, then, means that Cook’s conclusion that Apple could best improve the iPad by making a new product isn’t quite right: Apple could best improve the iPad by making it a better platform for developers. Specifically, being a great platform for developers is about more than having a well-developed SDK, or an App Store: what is most important is ensuring that said developers have access to sustainable business models that justify building the sort of complicated apps that transform the iPad’s glass into something indispensable.

kOoLiNuS (October 5, 2015)

Effettivamente credo che questo sia il perché le vendite dei tablet hanno raggiunto uno stallo.
Vedremo …