pointerIl trucco del riso funziona?

Il trucco dell’immergere nel riso i nostri gingilli elettrici, dopo averli sciaguratamente innaffiati con acqua, funziona?

The Verge ha fatto chiarezza: no, ma siamo portati a credere che funzioni perché ci costringe a non utilizzarli  — a non accenderli, la cosa più fatale da fare nel caso di un laptop o smartphone bagnato! — per 24 ore.

The rice trick does have one unique and very powerful property. The worst thing you can do to a wet phone is to power it up before it dries completely — doing that is cell phone homicide in the first degree. Unlike leaving the phone on a sunny windowsill, the rice trick places the phone out of sight, and maybe out of mind. The grain may not guard the device from the destructive powers of water, but the trick does temporarily remove a much more dangerous element: us, and our impatient, tech-driven neuroses. Spending 12 hours, 24 hours, or even a few days — depending on the instructions you follow — without your phone can be hard. Having it sit in plain view makes it harder. We’re tempted to power up too soon, and kill the very thing we crave.

Il trucco insomma è vano, ma aiuta contro la nostra impazienza.

theSyd (September 18, 2015)

In caso un dispositivo elettronico cada in acqua salata o clorata, lasciarlo semplicemente ad asciugare è pericoloso, dal momento che i contatti dei componenti interni possono comunque ossidarsi, nel tempo. La cosa migliore da fare è sciaquarlo con acqua distillata, accertandosi che enti anche all’interno, e solo in seguito lasciarlo ad asciugare.

Alex (September 18, 2015)

Esperienza personale forse utile a qualcuno. Il mio iPhone 4s è caduto in piscina. Recuperato con retino, è rimasto al caldo ad asciugare per 72 ore (al sole e al vento). L’ho poi riacceso e ora funziona tranne:
– la durata della batteria mi sembra diminuita
– ad intervalli casuali , lo schermo lampeggia o diventa scuro in una sua parte, ad intermittenza, per poi tornare normale.
Continuo a usarlo, seppur con qualche fastidio.