pointerIl problema degli artisti non è Spotify, ma le case discografiche

Le critiche alla ‘sostenibilità’ di Spotify e altri servizi di streaming rispuntano con frequente cadenza. Spesso si parla di microguadagni, o stream di centesimi per gli artisti, ma come un articolo su Medium fa notare il problema — più che Spotify — è legato all’industria discografica, alle etichette discografiche e a come, semplicemente, gli artisti non siano proprietari della loro musica:

The reason artists don’t get paid from streaming services is that they don’t own the music that they record. Spotify isn’t holding on to that money! They don’t have some Scrooge McDuck money-swimming-pool in the basement of their Manhattan digs. They are legally required to pay money to the rights holders, and they do!

The best part is that the labels are part-owners of the streaming services. When Spotify is acquired, the labels are gonna make a boatload of money (they all have shares in the company), and not a dime is getting passed on to the artists (nor should it).

Relativo: È incredibile che l’industria discografica sia mai esistita.