L’unica cosa interessante del keynote di ieri

Apple ha incluso nei nuovi iPad una SIM che non appartiene ad alcun operatore. Dalle impostazioni l’utente può selezionare a quale network abbinarla, senza dover andare in negozio a comprarne una specifica, legata a un singolo operatore. Al momento funzionerà solo negli Stati Uniti e Regno Unito, ma è un primo — e molto ben accolto — passo verso l’eliminazione delle SIM card. Immaginate di essere in vacanza all’estero e di potere, dal vostro iPad, stipulare un contratto di alcuni giorni per sfruttare internet — senza dovere sostituire alcuna SIM, e senza dovere andare in un negozio fisico.

La morte della SIM card significa più libertà per l’utente, che potrà facilmente passare da un operatore all’altro:

Apple’s unique place in the market gives it extraordinary power over carriers, which are notorious for being difficult to work with and, often, stuck in their ways. And with the Apple SIM, only a small number of carriers are on board so far: AT&T, T-Mobile, Sprint, and UK’s EE (Verizon, perhaps the most stubborn of them all, is missing). But, as with the introduction of the micro-SIM on the original iPad, this is a tell by Apple. It’s a warning that the next iPhone will be using reprogrammable SIMs — and if a carrier would like to offer that iPhone, it had better start getting ready. It’s easy to imagine that Apple could just eliminate the tray altogether, leaving uncooperative carriers on the sideline.

Il prossimo passo è inserire questa funzionalità nell’hardware senza dover passare da una schedina, e eliminare del tutto la SIM card.