Aweditorium: dare un senso alla musica nell’iPad

Uso l’iPad per molte cose ma raramente mi è capitato di utilizzarlo per ascoltare la musica, semplicemente perché per ascoltare la musica ci sono modi e oggetti migliori, l’iPhone in primis, il computer anche: sempre meglio dell’iPad, almeno secondo i miei gusti. Sarà colpa dell’applicazione iPod, probabilmente; sarà solo una questione di software e non di hardware.

Deve essere così, perché ieri invece questa tendenza si è invertita. Questo grazie ad una nuova applicazione, Aweditorium, che non offre solo la possibilità di ascoltare musica ma arricchise la musica che si ascolta con informazioni sull’artista, sui testi, sulla sua vita, con aneddoti interessanti inerenti a ciò che si sta ascoltando. Quello che dovrebbe fare un’applicazione per ascoltare musica sull’iPad è proprio questo: fornire molto più della semplice musica. Perché c’è uno schermo enorme a disposizione che diventa superfluo, ridondante e quasi fastidioso se lasciato vuoto e senza senso, perché quello schermo va riempito con qualcosa e la copertina del CD non può essere la soluzione, come lo è invece su iPhone.

Aweditorium riesce perfettamente a sfruttare lo spazio a disposizione, riesce perfettamente a ridare un senso allo schermo rendendolo nuovamente utile, persino mentre si ascolta la musica. Quindi, fossi in voi, una chance gliela darei, anche perché il programma è gratuito. E anche perché la musica che vi propone (infatti non riproduce la vostra musica al suo interno ma quella contenuta in un database online) è ottima musica Indie/Alternative/Rock e generi simili che, almeno per quel che ho potuto verificare, generalmente è valso la pena di ascoltare.