L’e-Ink è il futuro dei libri

Sono sempre stato piuttosto scettico riguardo agli ebook. Ho sempre ritenuto che leggere un libro su uno schermo fosse un’esperienza frustrante, decisamente inferiore al piacere di sfogliare delle pagine cartacee, decisamente più faticoso e stressante per la vista.

Poi due giorni fa, da Waterstones (una specie di Feltrinelli o Mondadori inglese) ho messo mano su un lettore di eBook della Sony, basato sulla tecnologia e-Ink. Ecco, è da due giorni, da quel momento, che mi sto dando del cretino, per non aver capito nulla del potenziale di questa tecnologia in passato. Se solo Feltrinelli, Mondadori, Adelphi e Guanda si dassero una mossa, rendendo disponibili i loro libri in formato .pdf per l’acquisto, credo potrei anche iniziare a comprare volumi virtualmente, risparmiare un sacco di soldi (dato che le mie uscite maggiori vengono proprio da libri) e provare ad abbandonare almeno in parte la vecchia carta stampata.

Ci vorrebbe solamente una piattaforma che semplifichi il tutto, che ne renda l’utilizzo un’inezia. Una piattaforma che sincronizzi i libri scaricati sul computer con il device, che permetta l’acquisto di volumi di diverse case editrici dal medesimo sito (senza dover disperare fra store diversi per ogni editore). Una specie di iTunes per i libri. Apple sarebbe perfetta per realizzarlo, se solo volesse. Gli basterebbe stipulare contratti con case editrici e realizzare un suo device perfettamente integrato con il software di gestione degli ebook, e il successo sarebbe immediato.

Quello che per me non è chiaro, è che gli eBook sono una gran bella cosa. I lettori di eBook sono una gran bella cosa. L’e-Ink fa miracoli. Ma gran parte della gente non lo sa, perchè nemmeno si immagina quanto uno schermo possa arrivare a somigliare a un foglio di carta stampata. Io, fino a ieri proprio non me l’aspettavo.

P.S. Se avete mai visto un lettore di eBook basato su tecnologia e-Ink dal vivo, è inutile che commentiate negativamente. Prima li dovete vedere, poi ne potete parlare.

P.S. Amazon ha appena presentato un nuovo Kindle, più grande di quello già in commercio. E’ bello, molto bello.

CyberLuke (May 13, 2009)

È vero: è molto bello, e ha enormi potenzialità.
Il problema è che costa 489 dollari… la vedo dura, molto dura.

CyberLuke (May 13, 2009)

Ok, tu compri 5 libri al mese. Io un paio. Ammettiamolo: siamo una minoranza.
A guardare a fine anno, il nostro esborso giustifica l'acquisto di un eBook reader, ma nella stragrande maggioranza dei casi i conti si fanno a fine mese.
So benissimo che all'inizio le nuove tecnologie (ma quanto c'è di nuovo, in un eBook reader?) vanno pagate, ma la storia è piena di casi in cui non sono mai uscite dal primo stadio di commercializzazione.
E, a meno che gli eBook non saranno supportati da una massiccia campagna pubblicitaria, i più continueranno a non sospettarne neanche l'esistenza.
E il loro prezzo non scenderà mai.

gasdgasd (February 12, 2010)

Dimenticate il mercato dei testi scolastici; io fino all'anno scorso andavo al liceo e ogni anno c'era una spesa minima di 300 € di libri, un esborso davvero notevole – senza contare il passaggio dal biennio al triennio, dove si aggiungono nuove materie e si cambiano molti professori (io al terzo anno spesi circa 500 € in un colpo soltanto per i libri scolastici).
Non ho mai provato uno di questi schermi, ma se la vista non è più affaticata che con il supporto cartaceo, non vedo perché non dovrebbero andare benissimo anche per lo studio! Ok, non potrai farci annotazioni sopra, ma chissenefrega… Le famiglie potrebbero risparmiare molti soldi e si limiterebbe notevolmente il consumo della carta.