Picasa sbarca su Mac

Arriva oggi su Mac un software da anni presente su Windows, molto diffuso per l’editing e l’organizzazione di fotografie. Si tratta della terza versione di Picasa, programma appartenente e distribuito gratuitamente da Google che promette di organizzare, migliorare, condividere e creare fotografie. Picasa è un’applicazione molto semplice, il cui editing viene solitamente apprezzato dagli utenti alle prime armi, non in grado di utilizzare Photoshop ma pur sempre desiderosi di migliorare (ma certe volte per eccessi anche peggiorare) le loro fotografie senza dannarsi su troppi tecnicismi.

Il motivo per cui Google avrebbe potuto scegliere di sviluppare il software per Mac solo ora, a distanza di molto tempo dalla sua comparsa su Windows e Linux, potrebbe essere a mio avviso molto semplice, ovvero che gli utenti Apple non ne hanno assolutamente il minimo bisogno. Sia chiaro, funziona bene, per quel poco che ho provato, e sarebbe perfetto se solo non esistesse già un’applicazione che copre le funzioni svolte dal programma in maniera ottimale: iPhoto, la cui organizzazione è eccellentemente integrata nell’OS e il cui editing non ha nulla da invidiare a Picasa.

Scaricatelo, dunque, anche solo per provarlo, ma secondo me presto o tardi tornerete volentieri ad iPhoto.

N@rdoman (January 6, 2009)

provato, ma mi aspettavo di meglio dalla grande g… meno male che c'è iPhoto!

Al3x (January 8, 2009)

MA VOI BEVETE! Si vede che non usate picasa. Vi dico 5 motivi per cui picasa è superiore ad iPhoto. E sono stato costretto ad usarlo da 3 anni a questa parte con grande sofferenza:

1. Picasa è velocissimo, su una libreria di oltre 30.000 iphoto fatica un po'.
2. l'organizzazione logica di picasa è impeccabile, vassoio foto, album in ordine cronologico o per cartella, gestione e modifica ultraveloce. Iphoto con gli eventi crea un po' di confusione, non è preciso e ritrovare una singola foto scattata 5 anni prima è un parto. I filtri di ricerca di picasa invece sono veloci e precisi.
3. iPhoto si integra solo coi servizi .mac (se non con plugin ad-hoc), picasa con tutti i servizi google.. e sono tanti.
4. La caratteristica più importante: picasa non importa le foto, non le comprime e ghettizza in cartelle come pare a lui, le lascia dove sono, modifico le cartelle in finder, ritrovo le stesse modifiche in picasa. Questa è vera libertà. Organizzo le foto come mi pare, non nel programma ma nel sistema.
5. Picasa è ricco di piccoli accorgimenti e funzioni, tutte utili e indispensabili se si impara ad usarle, la metà delle 10 funzioni di iPhoto sono inutili e dispersive, tipo mobile me, ordina stampe, manda ad iDvd..

No no, niente da fare, picasa se lo si usa quotidianamente e in modo massiccio è superiore. Non tutti i prodotti Apple sono vincenti e funzionali, tipo il mighty mouse o timecapsule. Per carità, io sono un surrogato apple e vivo mentalmente different, col mio iMac e i software, però alcune cose vanno dette in modo oggettivo 🙂

Phil a me pare che tu faccia recensioni in modo acritico, sei fazioso e non sei sempre oggettivo, basta che c'è la mela sopra? Non sempre. La grande G aveva in programma questo porting, il team di Google ha preferito aspettare per offrire una valida aternativa su mac, perchè gli utenti sono molto esigenti, e per distriibuire un prodotto solido e funzionante.
imho eh.. magari piace solo a me perchè la logica di questo programma risponde al mio modo di gestire le immgini.

ondapi (January 10, 2009)

Uso picasa dalla prima versione resa disponibile da google, ovviamente in ambiente windows, e lo considero un programma essenziale su praticamente ogni pc, la prima versione di appena 4mb permetteva quasi te stesse fuinzioni della attuale, che comunque è molto migliorata…
Attualmente sul mio "macinino" supporta una libreiria fotografica di 50Gb, senza alcuna paura…
Non conosco personalmente iphoto anche se penso che si tratti di un buon prodotto, forse il tardo rilascio di picasa per mac, potrebbe essere stato causato dalla presenza di iphoto, che ha funzioni simili per certi punti di vista, cosa che invece non esiste, neanche lontanamente, per il mondo win.
Considero picasa un ottimo prodotto che merita qualcosa di più di un semplice "per gli utenti non ingrado di utilizzare photoshop", photoshop non te lo tira dietro nessuno, non vedo perchè ogni possessore di una qualsiasi fotocamera debba avere una copia di photoshop, picasa come iphoto hanno delle funzioni di editing limitate rispetto a… ma che soddisfano il più delle volte le normali esigenze.
Ritengo che picasa in versione mac non potrà altro che fare bene a iphoto e alla ottima suite ilife, picasa diventa di per se un valido antagonista, tra l'altro gratuito,
questa competizione stimola apple a fornire prodotti sempre aggiornati e fa bene soprattutto agli utenti, che potranno decidere quale prodotto sia per loro migliore.

honemoonchild (January 11, 2009)

completamente d'accordo con alex, soprattutto il punto 3 è troppo evidente e come minchia si fa a non sottolinearlo nella tua recensione eh?
completamente d'accordo, questo blog sta diventando troppo fazioso.
sono un utente mac da quasi 6 anni ma iphoto, confrontandolo con picasa, è 10mila anni indietro.

N@rdoman (January 12, 2009)

prima che il mio commento sia frainteso: io uso iphoto e non ho pretese particolare.
secondo me, ora nn riuscirei a usare la gerarchia a cartelle, dopo aver usato iPhoto.
Quando uso Windows, io uso Picasa, ma su mac, nn so perchè ma nn mi riesce di usarlo